Bonus centri estivi

MARTEDÌ 16 GIUGNO 2020

 

Il Bonus centri estivi è una misura introdotta dal Decreto-Legge Rilancio e prevede la possibilità, per i beneficiari del bonus baby sitter, di usare le somme disponibili per l’iscrizione dei figli:

•    ai centri estivi

•    centri educativi per l’infanzia

•    servizi socioeducativi

•    centri con funzione educativa e ricreativa

•    e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia.

 

Quanto spetta

Con il Dl Rilancio le somme previste dal Cura Italia sono state raddoppiate; questo significa che il bonus spetta nella misura di:

•    fino a 1200 euro per:

•    lavoratori dipendenti del settore privato

•    iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS,

•    autonomi iscritti all’INPS e alle casse professionali.

•    fino a 2000 euro per i lavoratori dei comparti sicurezza, difesa e soccorso pubblico e per il settore sanitario, pubblico e privato accreditato.

Tali somme possono essere richieste entro il 31 luglio 2020 per la differenza ancora non richiesta fino ad ora. Ciò significa che si potranno richiedere il totale di 1200 euro (o 2000) se fino ad ora non si è richiesto il bonus baby sitter, oppure si potrà richiedere la differenza fra le somme richieste e i limiti appena detti.

 

A chi spetta

Il bonus centri estivi come il bonus baby sitter, può essere richiesto dai genitori di bambini di età non superiore ai 12 anni. La richiesta può essere fatta anche in caso di adozione e di affidamento pre-adottivo.

Il limite dei 12 anni inoltre viene meno in caso di figli disabili di qualunque età purché iscritti a scuole di ogni ordine grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale.

Infine nel caso di genitori che non fanno parte dello stesso nucleo familiare, il beneficio verrà riconosciuto al soggetto convivente con il minore.

 

Compatibilità del bonus centri estivi

Il Bonus baby sitter per centri estivi può essere richiesto dalle famiglie solo in alternativa al congedo parentale straordinario e al bonus baby sitter covid-19.

Il beneficio non spetta inoltre se nel nucleo familiare vi sia un genitore:

•    beneficiario di strumenti di sostegno al reddito NASPI, CIGO, CIGS, ecc.

•    disoccupato, inoccupato o non lavoratore.

A differenza del bonus baby-sitting inoltre, il bonus per il pagamento dei centri estivi non è compatibile con il bonus asili nido.

 

Bonus centri estivi per i figli: come fare domanda

Vista la similarità del bonus centri estivi con quello per baby sitter, probabilmente anche questo verrà erogato dall’INPS mediante Libretto Famiglia. I beneficiari (sia l’utilizzatore che il prestatore di servizio) quindi devono registrarsi rispettivamente sul sito INPS nell’area Prestazioni Occasionali > Libretto Famiglia:

•    come utilizzatori di Libretto Famiglia;

•    come prestatori di servizi di baby-sitting.

Con il messaggio numero 2209 del 27 maggio 2020 l’INPS comunica che sono in corso di implementazione le procedure telematiche per adeguare lo strumento di richiesta di uno o più bonus per i centri estivi. Il voucher potrà essere richiesto probabilmente da giugno.

ALLEGATI

Salta Calendario
<   Ottobre 2020   >
Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
Elenco Menu